Quanto incide la capacità di scegliere?

  • 7 marzo 2016

     

    Nella vita ognuno è libero di scegliere la propria strada, il proprio cambiamento. È una delle affermazioni del CEO di Vikyanna Stefano Pigolotti, azienda che ha saputo dare impulso a quelle aziende in difficoltà ma con grandi risorse inespresse.

    “Sconsiglio tuttavia di non scegliere, perché è il cammino che conduce direttamente al fallimento”.

    Come fare quindi a SCEGLIERE?

    “Nell’ultimo ventennio l’imprenditoria ha basato le proprie scelte su analisi approfondite di ogni possibile rischio, depotenziando la forza di una scelta istintiva in quanto considerata portatrice di alto rischio”.

    Ma l’imprenditore è colui che segue il proprio istinti per gli affari?
    “Io reputo che le analisi, i controlli di gestione, le proiezioni economiche siano strumenti necessari ad indicare la via ed ad evidenziare i rischi, non è solo la capacità di scelta istintiva dell’imprenditore che può definirci veramente imprenditori di successo“.

    “Usando regole semplicissime, aderenti alla propria personalità, ogni imprenditore, Manager, CEO… ogni key-man senza esperti, super computer o sfere di cristallo riesce a prendere decisioni sensate”.

    COME SI INTUISCE SE UNA AZIENDA AVRÁ SUCCESSO?

    “Ogni azienda, di qualsiasi livello o dimensione o di qualsiasi settore operi è composta dal prodotto, dalla capacità di venderlo e da una buona gestione finanziaria. Non esiste un imprenditore che abbia in se tutte le doti necessarie per eccellere nei tre elementi. Quindi, per rispondere alla domanda, un’azienda porta con se un potenziale successo se colui o coloro che la guidano hanno idee brillanti che possano generare un buon prodotto, uno staff che permetta la generazione di una rete vendita adeguata ed un controllo finanziario di supporto”.

    Condividi:
    Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone